Skip to main content

Manihi o fraticelli, dolce tipico delle Valli del Natisone

FraticelliFraticelli

Manihi o fraticelli, dolce tipico delle Valli del Natisone. Ogni regione ha le sue ricette tipiche per le ricorrenze o per i giorni di festa. Non solo, ma in ogni regione ci sono altrettanto numerose varianti tipiche. Quanti in Friuli Venezia Giulia per esempio conoscono i manihi della Benecija? Ci pensa Caterina, la cuoca della Casa delle rondini di Stregna a raccontarceli.

Come ha fatto nel corso di un recente laboratorio con le altre donne che fanno parte dell'associazione Le donne della Benecija. Certamente a molti di coloro che vivono a Trieste e in area giuliana ricorderanno le titole (che pare siano di origine ellenica). Un'altra occasione per sottolineare come la cucina non abbia confini. le colombine pasquali della Benecijale colombine pasquali della Benecija

I manihi di Caterina

 

Ingredienti per 4 fraticelli


13 g lievito di birra

135 g farina Manitoba

400 g farina 0

120 gr latte

75 g zucchero

3 tuorli

120 g burro

Per la decorazione:

chiodi di garofano

1 albume

zucchero a velo

 esecuzione di fraticelli e nidiesecuzione di fraticelli e nidi

Procedimento


Preparo quello che si chiama "lievitino": in una ciotola sbriciolo il lievito di birra, aggiungo e mescolo 1 cucchiaino di zucchero, aggiungo anche l'acqua tiepida. Incorporo la farina Manitoba.

Deve risultare un impasto morbido e appiccicaticcio. Lascio riposare coperto per almeno mezz'ora.

In un'altra ciotola, più capiente, metto 400 g di farina "0" setacciata e un cucchiaino di sale fino, sistemato in un angolo. Al centro verso 120 g di latte tiepido, 75 g di zucchero e i 3 tuorli.

Mescolo un po' e aggiungo del burro, precedentemente sciolto a bagnomaria. Impasto il tutto molto bene. A questo punto unisco il "lievitino" ed impasto le due parti con energia. Lascio a lievitare circa 2 ore.

Tolgo l'impasto dalla ciotola e, senza lavorarlo, mi dedico alla realizzazione della forma desiderata: manih (treccia distesa, con un uovo adagiato su un'estremità a richiamare la testa del frate), o colombina o nodo. 

Per la colombina vanno modellate le parte finali dell'impasto: una per la testa, in cui inserisco 2 chiodi di garofano per gli occhi e l'altra per la coda, premendovi il dorso di una forchetta per le piume più grandi).

Il nido è una treccia chiusa a mo’ di nido con un uovo al centro.

Pongo a lievitare una quarantina di minuti (dipende anche dalla grandezza delle forme realizzate).

Si cucinano in forno preriscaldato a 190-200 °C per circa 25 minuti.

Facendo attenzione, dispongo i "manihi" a raffreddare su una gratella.

Per lucidare la superficie sbatto con una frusta 1 albume con 1 o 2 cucchiai di zucchero a velo e spennello i piccoli capolavori quando sono ancora ben caldi.

Tocco finale: sulla superficie disegno occhi, bocca, barba e ... la classica pettinatura da frate.

A questo punto saranno pronti per essere riposti nel mio cestino assieme al salame, alle uova sode, a un pugno di sale grosso e uno di zucchero che porterò a benedire nel pomeriggio di Sabato Santo.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy

Altre notizie


Deprecated: htmlspecialchars(): Passing null to parameter #1 ($string) of type string is deprecated in /var/www/vhosts/qbquantobasta.it/httpdocs/modules/mod_articles_thumbnails/mod_articles_thumbnails.php on line 23


Deprecated: Constant FILTER_SANITIZE_STRING is deprecated in /var/www/vhosts/qbquantobasta.it/httpdocs/modules/mod_articles_thumbnails/tmpl/default_bootstrap5.php on line 108

Josko Gravner Condivido l'intervista a Josko Gravner fatta da Sonia Ricci. Davvero tutta da leggere. "Settantadue anni, 60 vendemmie alle spalle, i suoi vini nascono dal tempo dopo sei mesi...

Vai all'articolo