Skip to main content

Diversificare per vincere la sfida del nuovo enoturismo

donatella cinelli colombinidonatella cinelli colombini

I nuovi lockdown e le restrizioni ai viaggi impongono una riflessione per uscire dalla crisi. Innovarsi sarà fondamentale, ma il processo di digitalizzazione avviato in primavera deve proseguire. Solo il 22% delle cantine italiane vende esperienze online contro il 29% delle concorrenti spagnole. “Il settore enoturistico ha vissuto una ripresa durante i mesi estivi, a conferma della sua centralità nelle preferenze dei turisti, italiani e non. 

qb pink

Continua a leggere...Diversificare per vincere la sfida del nuovo enoturismo

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Soste in camper con vista vigna

 

camper tra i vigneticamper tra i vigneti

La vacanza con sosta in camper su vista vigna: è la proposta di turismo eco-sostenibile pensata dalle Donne del Vino nell’anno dedicato a Donne, Vino e Ambiente. Da luglio, molte produttrici aprono le porte delle loro cantine ai turisti in caravan e camper per offrire loro la sosta di una notte fra i vigneti. È il progetto Donne del Vino Camper Friendly creato insieme al TCI - Touring Club Italiano.  

«Il concetto di ospitalità – dice la presidente delle Donne del Vino Donatella Cinelli Colombini - costituisce il punto di partenza del progetto Donne del Vino Camper Friendly che intende proporre i luoghi del vino come destinazioni privilegiate di chi fa viaggi itineranti. Per loro le Donne del Vino hanno pensato a una più ampia offerta di ecoturismo che prevede soste gratuite di una notte, sconti sullo shopping di vini e animazioni (a pagamento) da concordare direttamente con le produttrici: degustazioni all’aperto, pic nic e trekking tra le vigne».

SIGLATA UN’ALLEANZA CON IL TOURING CLUB ITALIANO PER UN PROGETTO CAMPER FRIENDLY

 

 

Sono già oltre 50 le adesioni delle cantine camper friendly delle Donne del Vino: l’elenco completo si può trovare QUI  L’iniziativa sarà divulgata anche sul sito del Touring Club Italiano. 

Camper nelle vigneCamper nelle vigne

Turisti in caravan e camper quanti sono e cosa vogliono

Nel 2017 già circolavano nel nostro Paese mezzo milione di caravan-camper (crescita annua del 14,8% per i camper e dell’8,5% per i caravan) che facevano viaggiare 3 milioni di italiani amanti della vacanza en plein air a cui si aggiungevano 2,6 di arrivi dall’estero. È probabile che questi flussi non subiscano lo stesso contraccolpo degli altri segmenti turistici a causa dell’epidemia Covid-19, anzi aumentino. Infatti se esiste una vacanza “covid free” è proprio quella che permette di avere la propria “casetta”, il proprio letto, il proprio cuscino, la propria zona pranzo, in ogni tappa del viaggio. Il turismo itinerante europeo ha nei tedeschi (1/3 delle nuove immatricolazioni) i maggiori utenti, genera 667 milioni di pernottamenti e un fatturato di 13,6 miliardi. Un tesoretto che vale la pena di guardare con molta attenzione soprattutto perché chi ama il turismo all’aria aperta desidera sostare a diretto contatto con la natura privilegiando il turismo eco-sostenibile al di fuori delle tradizionali rotte dei grandi flussi. Ovviamente, si suppone, servono piazzola, acqua luce. 

Le cantine delle Donne del Vino super destinazioni di turismo itinerante

Quale migliore destinazione delle cantine delle Donne del Vino per chi viaggia en plein air? Il segmento femminile dell’enologia ha un grado di attenzione all’ambiente molto alto testimoniato anche dal sondaggio effettuato nel 2017 fra le socie in cui il numero di cantine BIO o biodinamiche era di 7 punti percentuali superiore alla media. A questo si unisce l’orientamento produttivo verso i vini di alta qualità e la particolare attitudine all’accoglienza per cui il 91% delle cantine ha il punto vendita e il 79% la ristorazione.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Chiaretto in Cantina e week end in vigna

Chiaretto in CantinaChiaretto in Cantina

Sabato 4 e domenica 5 luglio 2020 venti cantine del Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino saranno aperte al pubblico per visite e degustazioni

L’iniziativa, denominata Chiaretto in Cantina, è stata organizzata unitariamente dalla Fondazione Bardolino Top, dal Comune di Bardolino  e dal Consorzio di Tutela ed è stata inserita nel progetto L’Estate del Chiaretto di Bardolino.

Le aziende aderenti, dislocate in tutto il territorio consortile, dal Garda al monte Baldo, dalla Valdadige cfino a Soave, proporranno ai visitatori calici di Chiaretto e degli altri vini del territorio, accompagnati da taglieri di formaggi, salumi o altri prodotti tipici.

«L’iniziativa Chiaretto in Cantina è un’occasione per tornare a vivere in serenità il territorio vinicolo del lago di Garda e del suo entroterra. – spiega Franco Cristoforetti, Presidente del Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino – Le cantine consorziate proporranno un programma in cui sarà possibile scoprire i vini, gli oli e gli altri prodotti locali in una giornata in vigneto di svago e convivialità».chiaretto sul molochiaretto sul molo

«L’Estate del Chiaretto di Bardolino è l’evento che ha segnato la ripartenza del nostro territorio e un progetto che sicuramente proseguirà anche nel 2021, quando potremo fare coincidere la sua conclusione con il Palio del Chiaretto»  ha spiegato Carlotta Bonuzzi, consigliere comunale con delega alle manifestazioni. Dopo il weekend del Chiaretto in Cantina, il fine settimana dell’11 e 12 luglio sarà dedicato alle attività del centro storico e il principe rosa del Lago di Garda verrà riportato lungo le vie del paese con le attività che proporranno piatti tipici e aperitivi a base di Chiaretto di Bardolino.

Sul sito del Consorzio di Tutela e su quello della Fondazione Bardolino Top è disponibile l'elenco delle cantine aderenti e tutte le indicazioni per la prenotazione di Chiaretto in Cantina. Le visite, organizzate dalle singole cantine, saranno gestite nel pieno rispetto delle normative riguardanti il distanziamento sociale.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Women in Olive Oil

women in olive oil logo women in olive oil logo

Sono entrata a fare parte - per invito - e ne sono onorata, delle Women in Olive Oil. Tutto è nato da Charlottesville in Virginia a fine aprile 2020 ed è cresciuto su Facebook. L'idea di creare questo gruppo social che in pochi mesi è diventato un fenomeno internazionale è stata di Jill Myers. Quattro le parole d'ordine: comunità, coesione, lavoro di gruppo e stabilità sociale. Naturalmente facciamo parte da tempo dell'Associazione Italiana Donne dell'Olio, straordinaria organizzazione presieduta da Gabriella Stanfield,  tesa a sottolineeare il valore del ruolo femminile nel mondo dell'olivicoltura. 

L'obiettivo di Women in Olive Oil  è di creare uno strumento che unisca a tutti i livelli le donne impegnate nel comparto olio da olive, per creare una piattaforma in cui le donne possano scambiarsi conoscenze, competenze ed esperienze, per creare nuovi progetto.

Presidente ed esperta assaggiatrice, è Alexis Kerner, nata a Filadelfia, ma che vive a Siviglia. Vicepresidenti: Fabienne Roux, di Aix en Provence e Caroline Robitaille, californiana.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Formazione on line delle Donne del vino

DDVDDV

La primavera delle Donne del Vino è dedicata alla formazione online. Parte oggi  5 maggio 2010 una nuova iniziativa con dei VIDEO TUTORIAL dove le produttrici, le giornaliste, le ristoratrici, le sommelier e le enotecarie vi insegneranno come produrre, vendere e raccontare il vino. La prima lezione è sul Turismo del vino a cura della presidente Donatella Cinelli Colombini. 

I video tutorial - al momento sono 14 - saranno messi online con una cadenza di due video alla settimana: il lunedì e il giovedì alle 11,00 fino al 18 giugno. 

Si possono vedere anche sul canale You Tube  https://youtu.be/XdqHuW0FvIU e sui  canali social Facebook: Associazione Nazionale Le Donne del Vino; Instagram IGTV: @donnedelvino; Twitter: @donnedelvino.

INIZIATIVA DI FORMAZIONE GRATUITA ONLINE INSERITA NEL PROGETTO FUTURE MA APERTA A TUTTI

 Al momento i video tutorial sono quattordici in programmazione fino al 18 giugno. Si parte con i tutorial della presidente Cinelli Colombini su turismo e tipologie di cantine vinicole. Chi ha piacere di ricevere video o le slide, dove previste, può richiederle a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

«Il progetto FUTURE – ricorda la presidente Donatella Cinelli Colombini - è nato da un’idea di Alessandra Boscaini, responsabile commerciale di Masi e delegata del Veneto. Finora ha raccolto in un data base sul sito dell’associazione, l’offerta formativa delle nostre socie: lezioni, visite, stage in cantina. Ora ripartiamo con questi video tutorial che sono fruibili per tutti quelli che vogliono sapere di più su determinati argomenti: chi guarda avrà l’emozione di imparare direttamente dalle produttrici e dalle donne del vino che si mettono in gioco e insegnano in prima persona. È facile, è bello, è utile ad altri. Aiuta a vincere l’ansia e ritrovare fiducia. E non ultimo, aumenta la visibilità delle singole socie e delle loro imprese».

Nella video gallery del sito www.ledonnedelvino.com elenco dei video con i temi delle singole lezioni e il nome delle Donne del Vino che ne sono protagoniste.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Turismo del vino ucciso dal Covid

enoturismo

Donatella Cinelli Colombini, ideatrice della giornata Cantine Aperte e prima promotrice del turismo del vino in Italia, docente di enoturismo in Master universitari e autrice di tre manuali sulla wine hospitality, oltre che presidente dell'associazione nazione Le donne del vino, fa il punto sugli effetti del Covid-19 nelle cantine turistiche italiane che perdono business e posti di lavoro perché difficilmente riusciranno a ripartire dopo la fase 1.

Il turismo è la vittima economica principale dell’epidemia Covid: un miliardo e quattrocento milioni di viaggiatori l’anno con un business mondiale intorno a 1.300 miliardi bloccato dalla paura. Paura di salire in aereo dove potrebbero esserci dei passeggeri contagiosi oppure di andare in alberghi o ristoranti dove il viaggiatore precedente, forse malato di Covid-19, potrebbe avere starnutito su coperte o cestini del pane… La reclusione in casa ha aumentato la percezione di pericolo rispetto a tutto quello che sta fuori delle mura domestiche per cui le vacanze, più che momenti di evasione, appaiono come esperienze ansiogene con il coronavirus sempre in agguato. Meglio evitare? Una prospettiva che la Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen ha espresso con la frase "non prenotare le vacanze della prossima estate" e che il Presidente dell’Istituto Superiore della Sanità Silvio Brusaferro ha ripreso il 17 aprile "è presto per pensare alle vacanze".

enoturismo

Continua a leggere...Turismo del vino ucciso dal Covid

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Se dico donne dico... vino

Il tema dell’anno “Donne vino e ambiente” è particolarmente caro all’universo femminile: il sondaggio effettuato nel 2017 sulle produttrici appartenenti all’associazione nazionale Le donne del vino ha rivelato che le imprese in conversione, bio e biodinamiche erano il 16% in più della media nazionale, mentre un’indagine recente condotta da Wine Intelligence ha mostrato come il 53% delle consumatrici statunitensi preferisce le cantine che si impegnano nella sostenibilità e nell’etica.

In occasione dell’incontro “Biologico, biodinamico e naturale: differenze e significati” di sabato 7 marzo, ore 10, via A. Longo 19 – 95125 Catania, verranno affrontati temi di sostenibilità in campo vitivinicolo, supportate dagli esperti del Consorzio EtnaAmbiente con ricercatori della Facoltà di Agraria dell’Università di Catania. Modera la giornalista Giusy Messina della delegazione Sicilia.

E’ arrivato il tempo di imparare a conoscere ancora più approfonditamente i dettagli della nostra terra indagando gli aspetti più profondi dello strettissimo rapporto Vino/Vigna, le complesse interazioni tra le singole parcelle vitate e la grande biodiversità dell’ambiente naturale in cui sono immerse.

Il rapporto tra il vino e il suo ambiente è un’esperienza sensoriale a tutto tondo olfattiva e gustativa: una passeggiata tra i vigneti permette di sentire i profumi di erbe e comprendere come l’ambiente influisce sulle degustazioni. La sostenibilità non è un processo casuale, ma un atto volontario che, oltre alla sapienza tramandata, richiede il supporto della scienza, della tecnologia e dell’organizzazione.  La mission è ricreare un ambiente migliore di quello che abbiamo ereditato, rafforzando la vocazione storica verso la qualità e la continua sperimentazione.
La consapevolezza è il modo migliore per condurre un progetto con senso di responsabilità, senza compromettere il futuro delle prossime generazioni.

Duplice l'obiettivo dell'incontro che se da una parte motiva e invoglia le aziende a produrre bottiglie a emissioni zero, dall'altro intende offrire una corretta informazione al consumatore.

L'iniziativa “Donne, vino e ambiente2020” che si svolgerà nella città etnea, coniuga le testimonianze di buone pratiche che coinvolgono istituzioni, cittadini ed associazioni del no profit in un percorso culturale di educazione ambientale, insieme alle ricerche di giovani donne siciliane laureate in Scienze Agrarie che spiegheranno le differenti tipologie di produzione legate ai temi della sostenibilità, da quella biologica alla biodinamica a quella naturale, con il corredo di norme legislative vigenti.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Le Donne del Vino puntano su una nuova sostenibilità

Le Donne del Vino celebrano la festa della donna colorando le botti di verde: Simbolo di una nuova sostenibilità ed anche di speranza per tutta l'Italia.

La presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini ha lanciato alle associate un invito al coraggio e alla prudenza unendosi in una grande campagna di comunicazione social. Ciascuna dovrà scattarsi una foto accanto a una botte colorata di verde, sulla quale scriverà un suo pensiero, un’azione fatta, uno slogan, un consiglio sul rispetto ambientale.

by ValerioMariniby ValerioMarini

Il tema scelto per il 2020 è infatti Donne, vino e ambiente. La botte verde diventa il simbolo dell’impegno ambientalista delle donne, della green revolution di cui si fanno messaggere, ma anche un messaggio di speranza per tutta l'Italia – dice la presidente: 

Continua a leggere...Le Donne del Vino puntano su una nuova sostenibilità

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Donne Vino & Ambiente

Immagine di Valerio MariniImmagine di Valerio MariniIl tema scelto dalle DDV per il 2020 è Donne, Vino e Ambiente con l’avvio del progetto “Donne in classe A” sull’innovazione e il risparmio energetico in cantina. Prossimo appuntamento con la tradizionale Festa delle Donne del Vino (dal 1° al 14 marzo) con eventi in tutta Italia.

Immagine di Valerio MariniImmagine di Valerio MariniA Vinitaly (19-22 aprile), le Donne del Vino saranno protagoniste di una degustazione internazionale guidata dal giornalista Ian D’Agata. In maggio, due donne del vino avranno l’opportunità di volare in Canada per partecipare alla giuria della Sélections mondiales des vins Canada che si svolge ogni anno in Québec sotto la direzione di Nancy Rossi. A fine giugno, il meeting nazionale si terrà nelle vigne di Langhe-Roero e Monferrato Patrimonio dell'Umanità Unesco (26-27-28 giugno). In autunno, infine, ci sarà la premiazione del Personaggio dell’Anno.

Potrebbe interessarti anche Agricoltura e Credito: le BANCHE ITALIANE SCOMMETTONO SULLE DONNE DEL VINO

CHI SONO LE DONNE DEL VINO
Le Donne del vino sono un’associazione senza scopo di lucro che promuove la cultura del vino e il ruolo delle donne nella filiera produttiva del vino. Nata nel 1988, conta oggi quasi 900 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier e giornaliste. Le Donne del vino sono in tutte le regioni italiane coordinate in delegazioni.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Agricoltura e Credito: le banche italiane scommettono sulle Donne del Vino

Riceviamo e volentieri pubblichiamo: "Le banche scommettono sulle Donne del Vino.

Un’analisi dell’Università di Siena su un campione di imprenditrici femminili dell’Associazione nazionale Le Donne del Vino rivela che il gender gap del credito negato alle donne, per la prima volta in Italia, fa segnare dati in controtendenza.

La ricerca è stata presentata alla Monte dei Paschi all’apertura di Wine&Siena, evento organizzato da Hunter Helmuth Köcher, presidente del Merano WineFestival e da Confcommercio Siena.

La piccola luce individuata dal professor Lorenzo Zanni e dal suo staff dell’Università senese sul tema “donne e accesso al credito”, storico handicap delle imprese al femminile, mostra le prime avvisaglie di un cambiamento di rotta. L’indagine si è svolta nel 2019 e ha riguardato 167 rispondenti fra le 890 Donne del Vino. L’associazione, presieduta da Donatella Cinelli Colombini, comprende produttrici di vino, titolari di ristoranti, enoteche, professioniste attive come sommelier, giornaliste e esperte presenti in tutte le regioni italiane. «Vedere la luce alla fine del tunnel non è una cosa da poco: significa che è possibile uscire dal buio dei problemi e arrivare a una situazione più favorevole» ha commentato Donatella Cinelli Colombini.

Professor Lorenzo Zanni Università di SienaProfessor Lorenzo Zanni Università di Siena

Vediamo nel dettaglio i risultati dell’analisi.

Continua a leggere...Agricoltura e Credito: le banche italiane scommettono sulle Donne del Vino

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Cena romantica in cantina da La Montina

La storica Tenuta La Montina di Monticelli Brusati, circondata dai vigneti: la terra delle più rinomate bollicine italiane è la cornice perfetta per trascorrere col proprio partner momenti indimenticabili. Tre le proposte. 

*14 febbraio lo CHARME CLASSICO di una raffinata Cena gourmet con degustazione di Franciacorta, nei saloni della seicentesca Villa Baiana (foto in alto) l'elegante dimora d’epoca nei pressi della cantina. Gli chef di Villa Baiana proporranno un menù, alle cui portate verrà abbinato il Franciacorta La Montina che meglio si sposa con i sapori e i profumi di ciascuna. A rendere assolutamente romantica l’atmosfera, le luci delle candele e i decori fioriti.

* Durante il week end CHARME ESPERIENZIALE delle visite guidate in cantina con degustazione di Franciacorta. Il 15 e 16 febbraio, per le coppie che volessero regalarsi una visita in cantina alla scoperta di come nasce il più pregiato fra i vini a Metodo Classico italiani, è in programma “Dolcetto e Franciacorta”. Al termine del tour degustazione di due tipologie di vino Franciacorta: Extra Brut e Rosé Demi Sec, in abbinamento ad assaggi di salame bresciano e Grana Padano. Chiuderà la degustazione un goloso dolcetto, tutto da condividere. La prenotazione è necessaria e si può effettuare online oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

* una bottiglia di Franciacorta personalizzata, da regalare il giorno di San Valentino, oppure da sorseggiare durante la cena del 14 o la visita in cantina dei giorni successivi. E’ lo CHARME SU MISURA  per chi volesse regalare gioia, formato bottiglia. Nomi, date, luoghi del cuore saranno incisi a laser sulla bottiglia della tipologia di Franciacorta preferito. Si potranno incidere le bottiglie di Franciacorta RossoNero, Quor e di tutti i grandi formati La Montina (Magnum 1,5L, Jèroboam 3L e Mathusalem 6L). Il tutto, tramite lo shop online de La Montina (www.lamontina.com/negozio) o recandosi all’Enoteca dell’azienda.

Le Tenute La Montina di Monticelli Brusati sono fra le aziende storiche della Franciacorta. Le vigne aziendali sviluppano su di una superficie vitata di circa 72 ettari, dislocati in 7 Comuni della Franciacorta. Vigneti, con giacitura preminentemente collinare, impiantati su terreni calcarei e limo-argillosi con una resa circa di 100 quintali per ettaro con densità di 5.400/7.000 ceppi per ettaro. La cantina si estende per 7.450 m² sotterranei, il che garantisce tutto l’anno la minore escursione termica possibile (attorno ai 13°- 16°) e condizione ottimale per la giusta maturazione dei Franciacorta. La produzione media è di 380.000 bottiglie annue.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy