Skip to main content

Ritratte. Direttrici di musei italiani

Flaminia Gennari Santori Gallerie Nazionali Barberini Corsini Roma ph. Gerald BruneauFlaminia Gennari Santori Gallerie Nazionali Barberini Corsini Roma ph. Gerald Bruneau Il 3 marzo 2022 nelle Sale degli Arazzi a Palazzo Reale di Milano ha aperto la mostra fotografica “Ritratte – Direttrici di musei italiani”. Promossa e prodotta da Palazzo Reale, Comune di Milano Cultura e Fondazione Bracco sarà visitabile gratuitamente fino a domenica 3 aprile 2022. Fondazione Bracco continua dunque nel proprio impegno per valorizzare l’expertise femminile presentando le professioniste che dirigono i luoghi della cultura italiani. Emanuela Daffra Musei della Lombardia ph. Gerald BruneauEmanuela Daffra Musei della Lombardia ph. Gerald Bruneau

Il progetto artistico con gli scatti d’autore del fotografo Gerald Bruneau si colloca nell’impegno della Fondazione per valorizzare le competenze femminili nei diversi campi del sapere.  La mostra ospita le immagiini di 22 donne alla guida di primarie istituzioni culturali del nostro Paese, da Trieste a Palermo, da Napoli a Venezia. Alfonsina Russo Parco Archeologico del Colosseo Roma ph. Gerald BruneauAlfonsina Russo Parco Archeologico del Colosseo Roma ph. Gerald Bruneau

Tra le protagoniste della mostra figurano i ritratti di Francesca Cappelletti, Direttrice della Galleria Borghese di Roma; Emanuela Daffra, Direttrice Regionale Musei della Lombardia; Flaminia Gennari Santori, Direttrice delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini di Roma; Anna Maria Montaldo, già Direttrice Area Polo Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Milano; Alfonsina Russo, Direttrice del Parco Archeologico del Colosseo; Virginia Villa, Direttrice Generale Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari di Cremona; Rossella Vodret, Storica dell’arte, già Soprintendente speciale per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma; Annalisa Zanni, Direttrice del Museo Poldi Pezzoli di Milano, Andreina Contessa, Direttrice del Museo Storico e Parco Castello di Miramare (TS) e Musei FVG. Andreina Contessa Museo storico e Parco Castello di Miramare Trieste e Musei Friuli Venezia Giulia ph. Gerald BruneauAndreina Contessa Museo storico e Parco Castello di Miramare Trieste e Musei Friuli Venezia Giulia ph. Gerald Bruneau

“Riconoscere le competenze, renderle visibili – dichiara Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco - è il primo passo per alimentare percorsi analoghi, tanto nell’arte quanto nella scienza. Con il progetto #100esperte e con molte altre iniziative di taglio formativo facciamo proprio questo, valorizziamo il merito e incoraggiamo nuove vocazioni. Le donne offrono contributi straordinari al progresso umano, non possiamo più permetterci di limitare o disconoscere questo apporto.”

“Il mio intento è stato quello di mettere in risalto, insieme all’incommensurabile vastità e bellezza del patrimonio artistico italiano, la bellezza di queste donne che si impegnano quotidianamente per rimettere i musei al centro di una proposta culturale elaborata in rete insieme ai soggetti più rappresentativi delle realtà in cui sono immerse, invitano alla partecipazione, stimolano confronto e pensiero critico” afferma il fotografo Gerald Bruneau. 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Sentire sentori. Il profumo nel calice

Alessandra Piubello e Francesca FaruoloAlessandra Piubello e Francesca FaruoloSentire sentori. Il profumo nel calice. Nella degustazione del vino gli aspetti tecnici, il vocabolario ripetitivo e la necessità di aderire a protocolli di analisi standardizzati rischiano di privare l'esperienza della sua componente più vitale ed emozionale. Per recuperare la centralità di questo elemento nasce “Sentire Sentori – il profumo nel calice”.

Continua a leggere...Sentire sentori. Il profumo nel calice

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Premiate a Perugia le vincitrici del concorso Extra Cuoca

extra cuoca extra cuoca

Sono state premiate il 6 dicembre 2021 nella sede della Camera di Commercio dell’Umbria le vincitrici della prima edizione di “Extra Cuoca - Il talento delle donne per l’olio extra vergine”, il primo concorso nazionale dedicato alle cuoche professioniste, promosso dal Comitato di Coordinamento del Premio Ercole Olivario e dall’Associazione Nazionale Donne dell’Olio, in collaborazione con Lady Chef  e A.I.R.O. (Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio). 

Per saperne di più sul concorso e su come partecipare clicca QUI


Le vincitrici della prima edizione del concorso sono:
Giovanna De Vincentis-Abruzzo, Sarah Cucchiara-Sicilia, Gabriella Pizzo-Veneto, Francesca Maria Casa-Sicilia, Federica Sapienza-Campania, Andrea Soledad Lopez-Molise.


Sezioni Primi Piatti

1° Classificata: Giovanna De Vincentis con la ricetta “Ravioli di grano Solina con emulsione di acqua di pomodoro e olio evo Venus Bio Dop, crema di ricotta Scorza Nera profumata al limone e olio alle erbette fresche”, per la quale ha utilizzato l’olio e.v.o. Venus Bio Dop
2° Classificata: Sarah Cucchiara con la ricetta “Tagliolini di grano duro siciliano” per la quale ha utilizzato l’olio Dop Frantoio Galioto.

Sezione secondi piatti

1° Classificata Gabriella Pizzo con la ricetta “Mare d’olio” per la quale ha utilizzato olio Garda Rocca Dop.

2° Classificata Francesca Maria Casa con la ricetta “Turbante di spigola agli agrumi” per la quale ha utilizzato olio Nettar Ibleo dell’Azienda Agrestis.

Sezione altre preparazioni


1° Classificata: Federica Sapienza con la ricetta di antipasto “Baccalà in olio cottura al rosmarino su crema di patata dolce americana con fava di cacao e cialdina di amaranto” per la quale ha utilizzato olio Seleca Terra di Molinara
2° Classificata: Andrea Soledad Lopez con la ricetta di antipasto “Olio su triglia” per la quale ha utilizzato olio Venus Bio Dop

Eleonora FrancoEleonora FrancoMenzione Speciale è stata assegnata a Eleonora Franco dal Friuli Venezia Giulia, per il suo dessert “Passione esotica” per il quale ha utilizzato l’olio 46° Parallelo Biologico "la scelta dei sapori esotici, unita alla capacità di accostarli in modo armonico e all’uso creativo dell’olio EVO insieme al cioccolato bianco, sono alla base di un dessert tanto originale quanto piacevole al palato per le sue note sorprendenti alle quali l’olio scelto contribuisce positivamente". 

Eleonora Franco ricettaEleonora Franco ricetta

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Premio Extra Cuoca - Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva

Extra Cuoca 2021Extra Cuoca 2021

Chi è la cuoca che per il 2021 rappresenta il Friuli Venezia Giulia in finale alla prima edizione di “Extra Cuoca - Il talento delle donne per l’olio extra vergine”? È la cuoca professionista Eleonora Franco. Il primo concorso nazionale dedicato alle cuoche professioniste è promosso dal Comitato di Coordinamento del Premio Ercole Olivario e dall’Associazione Nazionale Donne dell’Olio, in collaborazione con Lady Chef, sezione femminile della “Federazione Italiana Cuochi” (F.I.C.) e di A.I.R.O. (Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio).

Queste le 45 cuoche in finale, provenienti da diverse regioni italiane:

Abruzzo: Giovanna De Vincentis, Andrea Soledad Lopez, Enza Liberati, Paola Prosperi, Marta Di Marcoberardino e Mariana Oproaia;

Basilicata: Patrizia Viola;

Campania: Federica Sapienza;

Emilia Romagna: Angela Valenti;

Friuli Venezia Giulia: Eleonora Franco;

Lombardia: Anna Maria Schettini;

Molise: Ernesta Vassolo;

Piemonte: Giorgia Muratore, Samantha Gastaldi, Silvana Musej, Ionela Peducci, Stefania Bergantin, Cristina Cuscunà, Loredana Fiorio;

Puglia: Pasqualina Lazari, Antonella Scatigna, Antonella Ricciolo;

Sicilia: Graziella Gugliotta, Rosalia Pintacuda, Raffaella Nastro, Maddalena Renda, Francesca Maria Casa, Sarah Cucchiara, Rosa Maria Clemente, Simona Piazzese;

Toscana: Chiara Castellucci, Rossella Giulianelli, Ilaria Salvadori, Liliana Stredie, Irene Filograsso,

Umbria: Anna Rita Lombardi, Giuseppina Mariotti, Elda Moroni, Cinzia Chiappini e Luciana Scimmi,

Valle d’Aosta: Maria Rita Fabiano, Ornella Corsi, Sandra Lomello;

Veneto: Gabriella Pizzo e Monica Michielin.

La Presidente dell’Associazione Donne dell’Olio, Gabriella Stansfield: “L’idea di Extra Cuoca è nata per valorizzare l’olio extravergine e il talento femminile di chi utilizza l’olio e.v.o. ogni giorno. Siamo convinti infatti, che i primi ambasciatori dell’olio e.v.o. di qualità siano i professionisti della ristorazione, capaci di riconoscere un prodotto eccellente, allenati al gusto di ciò che è non solo buono, ma anche sano e per questo possono, così come è avvenuto e continua a essere per il vino, educare il consumatore alla scelta di oli di qualità”.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Come seguire il convegno sugli effetti in vigna e in cantina del clima che cambia

ddv 12 novembreddv 12 novembre

Cambiamenti climatici e ripercussioni in vigna e cantina, questo è il titolo dell'importante convegno delle Donne del Vino FVG che si svolgerà il 12 novembre 2021 a Fiume Veneto. Dalle 17 l’Associazione Nazionale Donne del Vino delegazione del Friuli Venezia Giulia organizza nella sala convegni della cantina Fossa Mala un incontro aperto a tutti con la presenza di esperti di settore. 

Continua a leggere...Come seguire il convegno sugli effetti in vigna e in cantina del clima che cambia

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Graziana Grassini firma il prosecco superiore Giusti

Giusti WineGiusti WineGraziana Grassini, la celebre enologa erede di Giacomo Tachis, dopo che nel 2010 il Marchese Nicolò Incisa della Rocchetta, proprietario della Tenuta San Guido, affidò a lei il compito di tenere alto il nome del Sassicaia; entrata nel 2019  nel Comitato Scientifico di ONAV, firma il nuovo Asolo Prosecco Superiore della cantina trevigiana Giusti. 

Uva da un singolo vigneto, quello della Tenuta Aria Valentina, applicando il concetto di Single Vineyard o di Cru, un concetto che ancora poco si applica al Prosecco, generalmente ottenuto da un assemblaggio di uve provenienti da diverse zone. Non è così per il nuovo Asolo Prosecco Superiore Docg Extra Brut firmato da Graziana Grassini, che dallo scorso anno è consulente  della cantina Giusti Wine Ermenegildo Giusti.   «Quando ha fatto il sopralluogo, ha assaggiato la terra e ne sono rimasto molto colpito» racconta Giusti. La Tenuta Aria Valentina si trova nel versante sud che domina la pianura, in una conca dove le piante sono esposte alla luce del sole tutto il giorno e di sera possono godere della fresca corrente d'aria portata dal fiume Piave. Il vigneto che dà le uve Glera ha 13 anni e le viti sono allevate con Doppio Capovolto, tipica del territorio, con una densità di 3600 piante a ettaro.

l'enologa Graziana Grassinil'enologa Graziana Grassini

Il vino è speciale anche per la lavorazione in cantina: dopo la vendemmia manuale, viene effettuata la pressatura soffice di tipo Crémant, a uva intera in atmosfera satura di azoto, da cui si ottiene il 50% di mosto fiore. La maturazione sur lies del vino base dura 2 mesi, segue la spumantizzazione con maturazione sui lieviti per altri sei mesi. Ne risulta un Prosecco Superiore che, come dice Graziana, “fa sostare a lungo il naso sul bicchiere” perché ricco di profumi che cambiano semplicemente ruotando il bicchiere.

A completare il prodotto è la bottiglia, caratterizzata dall’assenza di etichetta e dalle curve sinuose incise nel vetro, che riproducono il profilo delle colline.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Cambiamenti climatici, ripercussioni in vigna e in cantina

Convegno Donne del Vino FVG 12 novembreConvegno Donne del Vino FVG 12 novembreCambiamenti climatici e ripercussioni in vigna e cantina è il titolo del convegno delle Donne del Vino FVG a Fiume Veneto il 12 Novembre 2021 alle 17.  L’incontro, è aperto a tutti. Esperti del settore, enologi e ricercatori si confronteranno sul delicato tema che riguarda il presente e il futuro della viticoltura sul nostro territorio.

Continua a leggere...Cambiamenti climatici, ripercussioni in vigna e in cantina

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Conoscete le Donne del Cibo?

 

Donne del cibo 2021Donne del cibo 2021Il progetto DONNE del Cibo – Racconti di cultura alimentare è stato protagonista di un incontro a Pordenone, nell’ambito del festival enogastronomico PORDENONE ARTANDFOOD. Giuliana Masutti, Virginia Zanni,  Alessandra Disnan, Francesca De Vecchi e Maria Teresa Gasparet (abbiamo messo i nomi e cognomi nell'ordine in cui appaiono nella foto sopra n.d.r.) hanno animato il convegno dal titolo “Il cibo raccontato dalle donne: cultura, territorio, sostenibilità” organizzato dal Comune di Pordenone e da Concentro – CCIAA Pordenone-Udine. 
I temi sviluppati durante l’incontro verranno riproposti attraverso delle dirette on line il mercoledì alle 16.30 sulla pagina Facebook di DONNE del Cibo
20 ottobre Elena Consonni intervista Giuliana Masutti
3 novembre Tamara Gaiatto intervista Francesca De Vecchi
17 novembre Elena Consonni intervista Alessandra Disnan
1 dicembre Tamara Gaiatto intervista Maria Teresa Gasparet

DONNE del Cibo

Racconti di cultura alimentare è un progetto nato online durante il periodo più critico della pandemia. Un gruppo di professioniste, ognuna con competenze specifiche in ambito cibo e vino ha deciso di dare vita a una serie di iniziative per comunicare il valore che la filiera agroalimentare italiana esprime.

Chiedilo a qb

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Le Donne del Vino di tutta Italia si incontrano a Firenze

DDV firenze gruppo e vice sindacoDDV firenze gruppo e vice sindacoIl Meeting Nazionale delle DDV si è tenuto in Sala d'Arme di Palazzo Vecchio il 6 settembre 2021 con una simbolica rappresentanza delle 940 socie di tutta Italia -  a causa delle restrizioni anti Covid - che ha presentato i progetti nazionali a cura delle 20 delegazioni. Incontro “storico” a Firenze, dove l'Associazione nacque nel 1988.

G20 – AGRICOLTURA FIRENZE: LE DONNE DEL VINO DI TUTTA ITALIA SI INCONTRANO A FIRENZE 

 

Dopo il saluto di Donatella Cinelli Colombini, Presidente Nazionale dell’Associazione, il meeting è stata l’occasione per presentare il progetto organizzato in preparazione del G20 dell’Agricoltura «Territori, cultura e arte del vino a Palazzo Vecchio» in collaborazione con il Comune di Firenze che fino al 14 settembre prevede, con la partecipazione dei massimi esperti del mondo del vino, del marketing, del turismo, incontri, tavole rotonde, dibattiti e degustazioni per mostrare come il vino sia uno strumento di sostenibilità sociale, economica e ambientale oltre che per accorciare le distanze fra città e campagna.

Il programma intende preparare il terreno al forum G20-Agricoltura che da metà settembre coinvolge a Firenze 35 nazioni durante il quale si discuterà di “Sostenibilità e resilienza agroalimentare” e l’Associazione Donne del Vino si confronterà sui temi più attuali per guardare al futuro del mondo del vino, nonché studiare strategie per anticipare le tendenze sia in vigna e in cantina, sia sui mercati.

“Un’iniziativa importante che siamo orgogliosi di ospitare qui a Palazzo Vecchio, nata da una sinergia positiva tra diverse realtà unite in un progetto significativo , ha detto il vicesindaco Alessia Bettini. L’Associazione nazionale Le Donne del Vino è capace di incarnare valori importanti non solo relativi a sostenibilità e tutela dell’ambiente, ma anche come spirito di squadra e capacità di fare rete. Dopo questa pandemia dobbiamo essere pronti a ogni livello a cambiare approccio e adottare sempre di più quel paradigma del noi che ci può permettere di affrontare al meglio le sfide che abbiamo davanti”.

Le risorse endogene e il patrimonio di storia e cultura, dei territori del vino italiani e toscani, diventano quindi chiavi di ripartenza in linea con gli obiettivi UE, ovvero Next Generation, Farm to Fork, Ecologicaltransition e Wine in Moderation. Il progetto «Territori, cultura e arte del vino a Palazzo Vecchio», nato con l’obiettivo di darsi temi portanti e importanti di confronto, ne favorisce lo sviluppo coinvolgendo un grandissimo numero di Donne del Vino, ma anche altre associazioni, nonché i più rappresentativi professionisti del settore o istituzioni come Regione Toscana, Università di Salerno, Assoenologi, Movimento Turismo del Vino, ENEA-Federesco, Giovani Imprenditori Vinicoli Italiani – AGIVI e UIV. Tutti soggetti strategici con cui costruire un dibattito, disegnare uno scenario composito ed esaustivo e portare frutti nel futuro. Attingendo alla visione prospettica e lungimirante delle Donne del Vino sul futuro dell’agricoltura, della terra e del mondo del vino, nonché valorizzandone le competenze utili alla definizione di strategie che aiutino il settore a crescere.

"Le 940 Donne del Vino italiano costituiscono la più grande e attiva associazione di enologia al femminile del mondo e sono alla testa di un network con 10 associazioni simili estere, ha affermato la Presidente Nazionale, Donatella Cinelli Colombini. Promuovono iniziative e studi sul gender gap (diversità di salario e progressione di carriera) nelle imprese del vino e per ridurlo in tutta l’agricoltura. Promuovono iniziative e studi per spingere la produzione del vino verso la sostenibilità e qui presenteranno le cantine femminili che risparmiano energia e gli esisti del sondaggio sull’uso di bottiglie leggere … Le Donne del Vino stanno costruendo il futuro dell’enologia italiana".

Il Comune di Firenze e Le Donne del Vino diventano quindi portavoce dei valori che, attraverso il vino, conducono alla tutela dell’ambiente e del paesaggio rurale, la salvaguardia dell’occupazione e la qualificazione del lavoro agricolo, lo sviluppo sostenibile sociale e economico delle zone di campagna soprattutto in relazione alle nuove generazioni, la formazione e la salute. E lo fanno con un fitto programma di appuntamenti che declina il vino in tutte le sue forme, stimolando la riflessione e portando esempi concreti di sostenibilità dell’agricoltura e dello stile di vita. Economia, storia, letteratura e arte con un richiamo alle celebrazioni del 700° anniversario della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri; ma anche agronomia, rapporto tra nuove generazioni e sostenibilità, transizione ecologica e resilienza, per finire con un focus sul ruolo dell’enoturismo come difensore delle diversità e biodiversità.

Il programma completo degli incontri è consultabile QUI Tutti gli incontri si terranno nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, dove contemporaneamente è allestita la mostra dedicata all’enoarte di Elisabetta Rogai.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Meeting nazionale delle DDV d'Italia

 

ddv 6 settembre Invitoddv 6 settembre Invito

Dal 2 al 14 settembre 2021 l'Associazione nazionale Donne del Vino sarà protagonista dell’evento “Territori, cultura e arte del vino a Palazzo Vecchio” durante il quale sono in programma  una serie di incontri, organizzati insieme al Comune di Firenze, in preparazione del G20 Agricoltura che si svolgerà immediatamente dopo nella medesima sede.

Il vino sarà presentato come strumento di sviluppo economico e sociale, di sostenibilità ambientale, di cultura e professionalizzazione, nonché un utile mezzo per ridurre le distanze fra città e campagna.

 

 

 

Il 6 SETTEMBRE 2021, ALLE 11.30, NELLA SALA D'ARME DI PALAZZO VECCHIO A FIRENZE si svolgerà "IL MEETING NAZIONALE DELLE DONNE DEL VINO DI TUTTA ITALIA". 

È necessario confermare alla segreteria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. la partecipazione. 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Trofeo Molmenti al Chiaretto di Sergio Delai

Delai e GoffiDelai e GoffiIl Trofeo Pompeo Molmenti per il miglior Chiaretto - Riviera del Garda Classico Chiaretto Notterosa 2020 - è stato assegnato all'azienda agricola Sergio Delai di Puegnago.  Proclamato nel corso dell’evento “I Giardini della Casa del Vino”, svoltosi in Villa Galnica a Puegnago del Garda eorganizzato dal Consorzio Valtenesi.  I vini dei produttori - in degustazione 99 etichette - sono stati abbinati ai formaggi del caseificio Alpe del Garda di Tremosine.

Il Premio Sante Bonomo per il Rosso dell’Anno è stato attribuito al Riviera del Garda Classico Groppello 2019 delle Cantine Scolari di Antonio Goffi, Raffa di Puegnago.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .