Le nuove sfide del Roero

Scritto da Fabiana Romanutti. Inserito in Nonsolovino

Durante la seconda edizione di Roero Days, a Milano - 54 produttori presenti nel Museo dei Navigli -  il Consorzio di Tutela Roero, con il presidente Francesco Monchiero, ha annunciato le novità del disciplinare che decretano per il Roero l’ingresso nelle più grandi denominazioni italiane. Dalla vendemmia 2017 saranno introdotte ufficialmente le “Menzioni Geografiche Aggiuntive (MGA), che corrispondono alla formalizzazione per legge dei “Cru”. “Le MGA sono oggi l’unico strumento legislativo che permette di regolamentare la zonazione.  Il Roero è la terza denominazione italiana a raggiungere questo traguardo. Il lavoro è durato 8 anni ed è stato complesso ma, con la collaborazione di tutti i produttori, il risultato è stato raggiunto.

Le MGA del Roero sono 135, di cui 19 sono Comunali. I criteri utilizzati sono stati rigidi. Pre requisito era la effettiva presenza di viti in quel territorio, una superficie minima di 10 ettari con la presenza di almeno 3 produttori. Inoltre sono stati esclusi dalle MGA i fondovalle.  La seconda importante novità è l’introduzione della tipologia Riserva per il Roero Arneis docg. Questa tipologia dà un nuovo spessore e complessità a questo vino. Il disciplinare prevede che ci si possa fregiare del Riserva per vini commercializzati a partire dal 1° marzo del secondo anno dalla vendemmia.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Ricette


TUTTE
LE RICETTE

QbJunior


QB
JUNIOR

LifeStyle

eventi
LIFE
STYLE

Login