Skip to main content

Sagre di qualità Unpli-A Roma la premiazione

sagra di qualità unplisagra di qualità unpli

Sagre di qualità Unpli-A Roma la premiazione per Sapori Pro Loco.  La grande manifestazione dell'enogastronomia tipica del Friuli Venezia Giulia sarà insignita della Menzione speciale alla Cerimonia di premiazione del marchio Sagra di Qualità, che l'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia consegnerà in una doppia cerimonia a Roma il 10 marzo all'Ergife Palace Hotel e l'11 marzo al Senato della Repubblica.

Continua a leggere...Sagre di qualità Unpli-A Roma la premiazione

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Il tarallo pasquale napoletano Tortano e la Tortanella

tarallo pasqualetarallo pasquale

Il tarallo pasquale napoletano Tortano e la Tortanella che ne richiama i sapori sono i protagonisti della Pasqua di Taralleria Napoletana. Il tòrtano, molto simile al casatiello, è una torta salata dall’impasto tradizionale con sugna e pepe, ripiena di uova, salumi e formaggi. 

Continua a leggere...Il tarallo pasquale napoletano Tortano e la Tortanella

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Taglio del nastro a Olio Capitale 2024

locandina 2024 locandina 2024

Taglio del nastro a Olio Capitale 2024 venerdì 8 marzo, alle 10.30. Alle 11. 00 convegno inaugurale “Le Radici dell’Oleoturismo. Alla scoperta delle Comunità dell’Olio” organizzato dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con la Camera di commercio Venezia Giulia.

Continua a leggere...Taglio del nastro a Olio Capitale 2024

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Olio Capitale torna protagonista in Porto Vecchio

conferenza stampa conferenza stampa Olio Capitale torna protagonista in Porto Vecchio. Dall'8 al 10 marzo 2024 con 220 espositori nel Generali Convention Center Trieste. Hall 27 e Hall 28.  NAVETTA GRATUITA DAL CENTRO CITTÀ PER RAGGIUNGERE L’ESPOSIZIONE

Continua a leggere...Olio Capitale torna protagonista in Porto Vecchio

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Tutte le jote sono vere

jota classica triestina, ricetta pubblicata sul numero di febbraio 2024 di QUBÌjota classica triestina, ricetta pubblicata sul numero di febbraio 2024 di QUBÌ

Tutte le jote sono vere (terza e ultima puntata).  © Non si può parlare di una paternità della jota, né si può dire quella che è la "vera" jota. Tutte le jota sono vere: la gente faceva, anzi doveva fare, con quello che aveva a disposizione. In quasi tutte ci sono i fagioli, in alcune compaiono le patate e il mais: tre "novità" americane. Prima di Colombo le ricette erano diverse, tanto è vero che in alcune compare tuttora l'orzo, cereale che è qui dal Neolitico.  

Continua a leggere...Tutte le jote sono vere

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

La jota dalla Carnia all'Istria

La jota dalla Carnia all'Istria (seconda parte). La jota è, o era, nota da Collina di Forni Avoltri fino a Rijeka / Fiume. Per l'uomo della strada si tratta, ora, di un cibo caratteristico soprattutto della Carnia e di Trieste. In realtà era di tutto il Friuli e di tutta l'Istria: lo si può facilmente evincere dai vocabolari dialettali, dai libri di cucina, dalle guide turistiche.    © 

Continua a leggere...La jota dalla Carnia all'Istria

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Jota: quando una parola si fa minestra

jotthojottho

JOTA: quando la parola si fa minestra. Dalla Carnia all'Istria, da cibo per poveri a emblema gastronomico di una grande città- Rnos Costantini ci racconta in tutti i particolari l'affascvinante e per certi aspetti sconosicuta storia della iota (jota). Estratto dall’articolo pubblicato nel numero 5 del giugno 2010 di Tiere furlane © 

Continua a leggere...Jota: quando una parola si fa minestra

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Il tarallo napoletano diventa tarallove

tarallovetaralloveIl tarallo napoletano diventa tarallove.  San Valentino si può festeggiare anche con un tarallo napoletano (ben diverso, come auspico vi sia noto, dai taralli e tarallini pugliesi, altrettanto buoni ma diversi). Per la ricorrenza di san Valentino, ma anche per tutto febbraio, ce n’è uno rosso: è il Tarallove.

Continua a leggere...Il tarallo napoletano diventa tarallove

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Krapfen ai semi di papavero e altri dolci sappadini

krapfen ai semi di papaverokrapfen ai semi di papaveroDurante il Carnevale nel Sappadino si preparano i classici dolci di questa festa, proposti nella variante locale. I crostoli (kriskilan) prevedono nell’impasto l’aggiunta di albumi montati a neve ben ferma e anche le frittelle (muttn) differiscono per forma e ingredienti da altre consuetudini. I più tipici, che pescano nella tradizione d’oltralpe, sono i krapfen al papavero (mogen kropfn).

Continua a leggere...Krapfen ai semi di papavero e altri dolci sappadini

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy